Pagine

sabato 18 aprile 2015

UNIFICAZIONE EUROPEA CON IL PIANO KALERGI

L’immigrazione di massa è un fenomeno le cui cause sono tutt’oggi abilmente celate dal Sistema e che la propaganda multietnica si sforza falsamente di rappresentare come inevitabile.
Con questo articolo intendiamo dimostrare una volta per tutte che non si tratta di un fenomeno spontaneo.
Ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente.
L’ESSENZA DEL PIANO KALERGI
Nel suo libro «Praktischer Idealismus», Kalergi dichiara che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa” non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’élite al potere.

venerdì 17 aprile 2015

BOLDRINI: CANCELLARE LA SCRITTA "MUSSOLINI DUX" DALL'OBELISCO ITALICO.

- Cancellare la scritta "Mussolini Dux" dall'obelisco Italico. -

L'ultima genialata della Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, vorrebbe sia cancellata la scritta di Mussolini Dux incisa sull'obelisco italico, e in evitabilmente scatena una bufera su se stessa. Boldrini dice: sarebbe meglio cancellarla, perchè il fascismo sta ritornando e questo non deve accadere assolutamente.

Le persone si lamentano di questa decisione della Boldrini, accusandola che vorrebbe cancellare parte della storia di questo paese. Infatti è così, parte della storia d'Italia è "volente o nolente" di Mussolini, pensate che se ancora oggi gli italiani percepiscono una pensione, lo si deve al Duce, come la scuola e tantissimi altri diritti che, guarda caso, i politici di oggi ci stanno levando uno ad uno.

WASHINGTON - INCONTRO, MATTEO RENZI - BARACK OBAMA


 Washington - Matteo Renzi è arrivato alla Casa Bianca dove  ha incontrato il Presidente Usa Barack Obama. Il Premier è stato ricevuto nell'ufficio ovale di Obama, dove hanno tenuto una conferenza stampa.

Obama ha detto <<Non ho origini italiane, ma mi considero italiano onorario perché amo tutto del Bel Paese. L'Italia ovviamente è uno dei nostri alleati più vicini e forti. Questa è l'occasione per celebrare i nostri rapporti>>.

<<L'Italia ha un ruolo chiave in Afghanistan e in Libano. Pensiamo di terminare entro l'anno prossimo le operazioni di consolidamento. Ma con Renzi abbiamo parlato anche delle sanzioni contro l'Iran>>.

martedì 15 aprile 2014

CE LO CHIEDE L'EUROPA? E SE NOI CHIEDIAMO ALL'EUROPA I DANNI CAUSATI IN ITALIA?

 -Ce lo chiede l'Europa-
Quante volte abbiamo sentito questa parola, una vera ossessione ormai per le orecchie degli italiani.

Esausti ormai di sentire questa frase e che la conseguenza ogni volta è un disastro economico e sociale per l'intera nazione.

Una parola magica di cui i nostri carissimi politici esprimono di frequente, come pretesto per convincerci ad accettare che i soldi che si prestano a chiederci sotto forma di decreti o leggi oppure obblighi che provengono dall'unione europea sono giustificati.

sabato 12 aprile 2014

Ma come mai nessuno si accorge di nulla?


Nessuno sembra accorgersi di quello che sta accadendo negli ultimi anni, dove la delinquenza dilaga immane tra corruzione politica, casta e stato mafia.

Oggi come oggi abbiamo più indagati e condannati per reati gravissimi in parlamento e al senato che in un carcere qualunque. A partire dal Capo di Stato Giorgio Napolitano, che come tutti sappiamo ha fatto distruggere delle prove "intercettazioni telefoniche" che lo vedevano coinvolto in un trattato stato-mafia.

I Premier in questi ultimi tre governi si sono eletti da soli senza approvazione popolare attraverso un normale e democratico voto.